Quale Italia a Euro 2012? La corsa alle convocazioni

by · May 13, 2012

A poco meno di un mese dal fischio d’inizio, cresce all’impazzata la febbre per Euro 2012. Con la Juventus già campione d’Italia con una settimana di anticipo, l’attenzione degli appassionati di calcio si è immediatamente trasferita dalla Serie A al campionato europeo. Domani sera è attesa la lista dei convocati della nostra nazionale, una rosa provvisoria di trenta giocatori, che Prandelli dovrà ridurre a ventitrè, per le convocazioni ufficiali previste giorno 29. E allora, quali saranno le scelte del nostro selezionatore? Che tipo di aspettative è lecito costruirsi considerata la nostra papabile rosa? Proviamo ad osservare i singoli reparti. 

In porta, nessun dubbio: sarà ancora una volta Gianluigi Buffon il portiere inamovibile. A parte un grossolano scivolone contro il Lecce, rivelatosi alla fine ininfluente sulle sorti del campionato di Serie A, il portiere bianconero è reduce da una stagione ai massimi livelli ed è ancora oggi giustamente considerato come uno dei più forti portieri al mondo, se non il più forte in assoluto. Il suo primo sostituto sarà con molta probabilità Salvatore Sirigu, ex estremo difensore del Palermo ed attualmente titolare nel Paris Saint Germain di Carlo Ancellotti. Per il terzo posto dovrebbe profilarsi un ballottaggio tra Morgan de Sanctis (Napoli) e Emiliano Viviano (Palermo), con il primo leggermente favorito.

La difesa sarà composta dal solido “blocco bianconero” (solo diciannove reti subite in campionato) con Barzagli, Chiellini, Bonucci, ai quali vanno aggiunti Maggio, Criscito e, con molta probabilità, Ogbonna del Torino. Inoltre, per la fascia destra ballottaggio tra Abate e Cassani (a mio avviso con Abate favorito), mentre per la fascia sinistra potrebbe essere lotta a tre tra Antonini, Balzaretti e De Ceglie. A primo impatto sembrerebbe questo il reparto meno competitivo della nostra nazionale, ma a onor del vero va detto che molti di questi giocatori hanno fatto in questa stagione molto meglio di quello che ci si potesse aspettare (si pensi ad Andrea Barzagli) e non sarebbe stupefacente pensare che facciano altrettanto bene in Polonia e Ucraina.

A centrocampo Prandelli farà di certo affidamento su Pirlo, Marchisio, Nocerino, Montolivo, Thiago Motta e De Rossi. La corsa agli ultimi due posti sarà un difficile nodo da sciogliere per il nostro CT. Se una delle due caselle libere potrebbe essere prevedibilmente occupata da Aquilani, l’altra è soggetta ad una forte concorrenza: da un lato Simone Pepe, o magari la novità Giaccherini, dall’altro Diamanti del Bologna o Mauri della Lazio (con quest’ultimo però meno papabile a causa del suo presunto coinvolgimento nello scandalo scommesse).

Per quanto riguarda la linea offensiva, quattro dovrebbero essere già certi; si tratta del recuperato Cassano, e di Giovinco, Balotelli e Di Natale. Gli altri due spazi a disposizione potrebbero essere occupati da uno tra Osvaldo e Borini (su quest’ultimo ricade la personale speranza del sottoscritto), mentre l’altro da uno tra Pazzini e Matri. Se “il pazzo” ha vissuto un’intera stagione nell’ anonimato, nemmeno la prima punta bianconera sembra offrire le migliori garanzie, dopo aver vissuto un finale di stagione certamente molto al di sotto delle sue potenzialità. Non va nemmeno dimenticato nemmeno Fabio Quagliarella, che però sembra essere meno coinvolto nel giro della nazionale. Tuttavia, essendo ancora amareggiati per il grave infortunio del nostro Giuseppe Rossi, sarebbe ingiusto sminuire le potenzialità di questo reparto. In particolare, i primi quattro nomi di questa lista sono un mix di precisione, potenza, velocità, fantasia. Potrebbero far tremare qualunque difesa avversaria e regalarci, chissà, inaspettate e dolci sorprese.

Gabriele Pulvirenti

Discussion2 Comments

  1. Salvo Pappy says:

    E Mattia Destro invece, spodestò Matri-Pazzini ed Osvaldo…

    Devo dire che mi sono piaciute le convocazioni di Prandelli: chiamati tutti i giocatori più in forma, senza regali o ricompense al nome. Bella la scelta di convocare Verratti, anche se sicuramente verrà tagliato alla prossima scrematura.

    Se dovessi cercargli un aggettivo, direi “coraggioso”. Speriamo lo dimostrino anche i suoi eletti sul campo.

    • Gabriele Pulvirenti says:

      Prandelli oggi ha detto che sta facendo una riflessione sul portare un attaccante in meno..Borini o Destro secondo te?

Commenta