Nuova lezione di calcio degli azzurri: Germania-Italia 1-2!

by · June 28, 2012

Sembrava un’impresa impossibile a inizio europeo: l’Italia, con pieno merito e dopo una partita che rimarrà tra le più belle nella storia della nazionale azzurra, fa fuori i quotatissimi tedeschi e vola in finale dove affronterà i “campioni di tutto” della Spagna. Prestazione eccezionale degli uomini di Prandelli che, a dispetto del 2-1, mettono nettamente sotto una Germania che dopo un buon inizio viene annullata dall’uno-due firmato da uno degli uomini più attesi, Mario Balotelli. Complimenti al ct italiano che, comunque vada a finire, è riuscito a infondere ai suoi ragazzi uno spirito propositivo e una qualità di gioco che sembravano definitivamente naufragate dopo il fallimentare mondiale in Sudafrica.
Prandelli prima del fischio d’inizio mantiene le promesse, schierando dal primo minuto Montolivo alle spalle del duo CassanoBalotelli: il mancato recupero di Abate spiana le porte a Chiellini e Balzaretti, che agiscono rispettivamente in posizione di terzino sinistro e destro. Loew, dall’altra parte, conferma la batteria di tre mezze punte a sostegno di Gomez: Podolski, Ozil e Kroos, preferito all’ultimo minuto a Muller. Parte subito forte la Germania: al 5’ Hummels stacca di testa e batte Buffon,con Pirlo che salva sulla linea. Sei minuti dopo Khedira valica il centrocampo, passa a Boateng il cui cros viene respinto dal n°1 juventino sul corpo di Barzagli, con la palla che esce di pochissimo: brividi iniziali per gli azzurri. Un minuto dopo il tiro violento di Kroos non sorprende l’estremo difensore azzurro. Al 17’, primo squillo italiano: Montolivo stoppa il pallone, si gira e scocca un tiro che impegna Neuer: un minuto dopo, tiro a giro di Cassano che non crea problemi all’estremo difensore tedesco. E’il preludio al gol: al20′ il fantasista rossonero ubriaca Hummels sulla fascia, mette un cross teso sul quale Balotelli sovrasta Badstuber e fulmina Neuer. Uno a zero per l’Italia! Poco dopo la mezz’ora, nuovo tentativo azzurro, con Montolivo che si incarta su un assist di Cassano, rientra sul destro in piena area di rigore ma subisce il rientro di Badstuber. Poco più tardi, arriva il raddoppio: Montolivo pesca Balotelli, con la linea difensiva tedesca a farfalle. L’attaccante dei citizens entra in area di rigore e fa partire un destro terrificante che Neuer può soltanto guardare: due a zero e tedeschi annichiliti. Nel primo tempo splendida Italia, brava a far sfogare gli uomini di Loew e a punirli con due perle di Super Mario.
Nel secondo tempo ci si aspetterebbe una furiosa reazione tedesca, soprattutto dopo l’entrata di Miroslav Klose per Gomez. Al 4’ Lahm ci grazia: il suo tiro di piatto in piena area di rigore finisce alto. Questa sfuriata, però, non da seguito ad altri pericoli, almeno fino al 61’, quando una punizione di Reus a giro chiama Buffon a un grandissimo salvataggio, aiutato anche dalla traversa. Diamanti per Cassano e Motta per Montolivo servono a dare un po di brio a una fase offensiva entrata leggermente in sofferenza: le tre sostituzioni sono ultimate con Balotelli che, vittima di crampi, esce per Di Natale. Loew si gioca il tutto per tutto inserendo Muller per Boateng. Al 75’ l’Italia sfiora il 3-0: Marchisio entra in area indisturbato ma, invece di servire il liberissimo Di Natale, decide di concludere con il pallone che si spegne sul fondo poco alla destra di Neuer. Gli spazi per gli azzurri si allargano fino a diventare praterie: all’82’ grande verticalizzazione di Diamanti per Di Natale che, solo di fronte a Neuer, sparacchia sul fondo; sprecata la palla match. Il gol annullato per fuorigioco a Balzaretti apre il forcing finale dei tedeschi che, al primo minuto di recupero, vedono premiati (solo in parte) i propri sforzi: un pallone vagante in area viene colpito di braccio da Balzaretti, con l’arbitro che indica il dischetto. Ozil accorcia le distanze piazzando il rigore alla sinistra di Buffon: negli ultimi due minuti, dopo il gol della bandiere, la Germania prova il tutto per tutto con Neuer che gioca ormai a centrocampo, ma è troppo tardi.
L’Italia vola in finale, dove affronterà nuovamente gli uomini di Vicente Del Bosque: curioso notare che gli azzurri, finora, sono stati gli unici a superare l’estremo difensore iberico Iker Casillas, con il gran gol di Di Natale. I ragazzi di Prandelli hanno sinora disputato un Europeo di altissimo livello, dimostrando cuore, intelligenza e grande tecnica. Nella partita di oggi hanno aggiunto anche quel cinismo che era mancato contro l’Inghilterra: servirà questo e altro, domenica, per gettare il cuore oltre l’ostacolo e laurearci campioni d’Europa dando fine a 44 di estenuante attesa.

Germania (4-2-3-1): Neuer; Boateng (dal 26’ s.t. Muller), Hummels, Badstuber, Lahm; Schweinsteiger, Khedira; Özil, Kroos, Podolski (dal 1’ s.t. Reus); Gomez (dal 1’ s.t. Klose). Allenatore: Loew

Italia (4-3-1-2): Buffon; Balzaretti, Barzagli, Bonucci, Chiellini; Marchisio, Pirlo, De Rossi; Montolivo (dal 18’ s.t. Thiago Motta); Balotelli (dal 25’ s.t. Di Natale), Cassano (dal 12’ s.t. Diamanti). Allenatore: Prandelli

Stadio: National Stadium di Varsavia

Arbitro: Lannoy (Fra)

Marcatori: 20′ e 36′ Balotelli; 91′ Ozil

 

Giorgio Tosto, Gabriele Pulvirenti

Commenta