Incidenti e tensioni, Italia – Serbia non si gioca

by · October 12, 2010

Uno spettacolo squallido. Una partita di calcio valida per le qualificazioni agli europei del 2012, Italia – Serbia, che non si gioca, iniziata dopo 40 minuti di ritardo e chiusa definitivamente dopo appena sei minuti di calcio giocato.

Lanci di fumogeni e petardi, vetrine rotte e reti bruciate. Pullman della nazionale serba preso di mira e addirittura minacce fisiche al portiere della nazionale Stojkovic.

Questa è l’unica sintesi possibile a questa serata. Dal punto di vista sportivo, purtroppo, non c’è nulla da commentare.

Il tutto ad opera di una frangia di Ultras nazionalisti serbi, probabilmente gli stessi che hanno causato gravi incidenti nel match tra Partizan Belgrado e Stella Rossa di qualche giorno fa e anche al corteo del “Gay Pride” a Belgrado.
A questo punto la parola passa agli organi disciplinari della UEFA per le sanzioni da emettere. Non vi è ancora nulla di ufficiale, ma presumibilmente il match verrà assegnato a tavolino alla nazionale Italiana, col risultato di 3-0.

Una vittoria che porta l’Italia sempre più su nella classifica del girone C, ma che lascia tutti con l’amaro in bocca.

Categoria: Italia

Argomenti: ,

Commenta